Meglio di Niente Network il sito che ti dà un’ opportunità.

Jerry Comano di Carlo Amedeo Coletta

 

RECENSIONE DI JERRY COMANO
di Carlo Amedeo Coletta

A cura di Riccardo Gramazio (Ricky Rage)

Diciamolo subito, senza troppi giri di parole: Carlo Amedeo Coletta sa scrivere, e sa scrivere bene. La passione per la lettura e la voglia di creare sono assolutamente le chiavi di questo Jerry Comano, un giallo ben architettato e ben prodotto, ferocemente coccolato da profonde venature noir. Insomma, per concepire e proporre al pubblico una storia di questo spessore è necessario avere in mano, oltre al talento, una dose sincera di esperienza, di studio e di contaminazione. Dalla storica e affascinante Lunigiana, Carlo disegna quindi un racconto spietato, preciso, onesto, e lo affida con sicurezza al vecchio Omero, vecchio cantastorie da bar, molto da bar, che conosce davvero tutti i fatti. Ad ascoltare le vicende il giovane Sam, letteralmente rapito dal carisma stralunato dell’anziano signore dall’epico soprannome e, come da titolo della prima edizione, dalla più assurda e spaventosa storia mai sentita. La voce carica di vino scadente del buon Omero pesca dal passato il misterioso ritrovamento del cadavere di Thomas, primogenito della benestante e ambigua famiglia Morris. Per far luce sul caso, l’affascinante avvocatessa Sara Meyer, che ai Morris è molto vicina, ingaggia l’ex poliziotto Jerry Comano. Da questo momento in poi, Omero e Coletta danno vita a un vortice violentissimo di segreti, di passioni, di dolori e di frustrazioni mai curate. Altri omicidi, ovviamente, ma soprattutto le riflessioni e le scelte tristissime dei vari personaggi, individui abbandonate nelle gabbie dei propri spiriti. L’amore è il principale nemico, il sadico manipolatore di anime, la vendetta, ahimé, l’unica possibile opportunità per tentare di recuperare qualcosa. L’autore affronta tematiche di questo tipo, lo fa con classe, con tecnica e con disinvoltura. Eppure in maniera quasi paradossale la sua penna è in grado di muoversi con leggerezza, cosa non proprio facile. Nonostante i frequenti viaggi introspettivi, la narrazione non perde mai ritmo e, cosa ancor più importante, ci tiene realmente incollati alle pagine.
Ditemi voi, non sono forse questi gli aspetti che rendono grande uno scrittore di gialli? E bisognerebbe sempre avere un buon protagonista, una figura forte per quanto umana, nel bene e nel male. Signori, e in questo caso abbiamo Jerry Comano, uno che di demoni nel cuore ne ha abbastanza, ma che non può davvero immaginare un mondo senza giustizia.
Okay, credo sia giusto fermarsi qui. Una buona recensione ha il dovere di illustrare il tutto, senza mai sfiorare maldestramente (e anche meschinamente) il temibile spoiler. Che dire, recuperate il romanzo del bravo Carlo Amedeo Coletta e gustatevi ogni scena. Una sorpresa piacevolissima. Una penna di spessore. Una grande storia. Con la speranza di poter leggere altro, chissà con ancora Comano al timone.

https://www.amazon.it/JERRY-COMANO-Carlo-Amedeo-Coletta/dp/B08DBVQKPH/ref=sr_1_1?dchild=1&qid=1598363174&refinements=p_27%3ACarlo+Amedeo+Coletta&s=books&sr=1-1

Leave a Reply

Area Riservata