Meglio di Niente Radio il sito che ti da un opportunità.

Meglio di niente radio cerca persone che hanno voglia di scrivere o realizzare video sui più disparati argomenti dalla politica, alla storia, all’attualità, cronaca, arte, letteratura, musica, sport e altro. Se qualcuno ha voglia di cimentarsi mi contatti. Non è una proposta di lavoro ma un opportunità per farsi conoscere e/o fare esperienza. Provaci. Mail bettocroce@libero.it Il coordinatore del sito Benedetto Croce. Grazie

In luogo di una lettera | Adriana @Lilithins legge Majakowskij

VLADIMIR MAJAKOVSKIJ – 1893-1930

 

Prima parte:  IN LUOGO DI UNA LETTERA

 

Gli uomini hanno paura perché dalla mia bocca

Penzola, sgambettando, un grido non masticato.

 

 

Ma voi potreste?

1913

 

A un tratto impiastricciai la mappa dei giorni prosaici,

dopo aver schizzato tinta da un bicchiere,

e mostrai su un piatto di gelatina

gli zigomi sghembi dell’oceano.

Sulla squama d’un pesce di latta

Lessi gli appelli di nuove labbra.

Ma voi

potreste

eseguire un notturno

su un flauto di grondaie?

 

 

Dietro una donna

1913

 

Spostato su col gomito un lievito di nebbia,

Colava biacca da una fiasca nera

E a briglia sciolta nel cielo

Canuto e greve caracollava fra le nuvole.

 

Nel fuso rame di case stagnate

A stento si contengono i tremiti delle vie,

Stuzzicati da un rosso mantello di lussuria,

I fumi diramavano le corna dentro il cielo.

 

Cosce-vulcani sotto il ghiaccio delle vesti,

Messi di seni mature già per il raccolto.

Dai marciapiedi con ammicchi malandrini

Frecce spuntate insorsero gelose.

 

Stormo che a un colpo di tacco si levi a volo nel cielo

Preghiere di altezze preso al laccio Iddio:

Con sorrisi da topi lo spennarono

E beffarde lo trassero per la fessura di una soglia.

 

L’Oriente in un vicolo le scorse,

Più in alto risospinse la smorfia del cielo

E il sole dalla nera borsa strappato fuori

Pestò con cattiveria le costole del tetto.

 

 

Eppure

1913

 

La via sprofondò come il naso d’un sifilitico.

Il fiume era lascivia sbavata in salive.

Gettando la biancheria sino all’ultima fogliuzza,

i giardini si sdraiarono oscenamente in giugno.

 

Io uscii sulla piazza

a mo’ di parrucca rossiccia

mi posi sulla testa un quartiere bruciato.

Gli uomini hanno paura perché dalla mia bocca

Penzola sgambettando un grido non masticato.

 

Ma, senza biasimarmi né insultarmi,

spargeranno di fiori la mia strada, come davanti a un profeta.

Tutti costoro dai nasi sprofondati lo sanno:

io sono il vostro poeta.

 

Come una taverna mi spaura il vostro tremendo giudizio!

Solo, attraverso gli edifici in fiamme,

le prostitute mi porteranno sulle braccia come una reliquia

mostrandomi a Dio per loro discolpa.

 

E Dio romperà in pianto sopra il mio libriccino!

Non parole, ma spasmi appollottolati;

e correrà per il cielo coi miei versi sotto l’ascella

per leggerli, ansando, ai suoi conoscenti.

 

 

L’infernaccio della città

1913

 

Le finestre frantumarono l’infernaccio della città

In minuscoli infernucci succhianti con le luci.

Rossicci diavoli, si impennavano le automobili,

facendo esplodere le trombe proprio sull’orecchio.

 

E là, sotto l’insegna con le aringhe di Kerč,

un vecchietto stravolto cercava a tastoni i suoi occhiali

e ruppe in lacrie quando, nel tifone del vespro,

un tram di rincorsa sbattè le pupille.

 

Nei buchi del grattacieli, ove ardeva il minerale

E il ferro dei treni ingombrava il passaggio,

un aeroplano lanciò un grido e cadde

là dove al sole ferito colava l’occhio.

 

E allora ormai – sgualcite le coltri dei lampioni –

La notte si diede al piacere, oscena e ubriaca,

mentre dietro i soli delle vie in qualche luogo zoppicava,

non necessaria a nessuno, la flaccida luna.

 

 

Ancora Pietroburgo

1914

 

Negli orecchi i frantumi di un accaldato ballo

E dal Nord – più canuta della neve – una nebbia

Dal volto di cannibale assetato di sangue

Masticava gli insipidi passanti.

 

Le ore incombevano come un volgare insulto,

Incombono le cinque e sono poi

Le sei – ci sta a guardare dal cielo una canaglia

Maestosamente come un Lev Tolstoj.

 

 

Lilička!

In luogo di una lettera

1916

 

Un fumo di tabacco ha divorato l’aria.

La stanza

È un capitolo dell’inferno di Kručënnyck.

Ricordati –

Proprio in questa stanza

Per la prima volta

Estasiato accarezzavo le tue mani.

Eccoti oggi seduta

Il cuore chiuso dentro una corazza.

Ancora un giorno e poi

Mi scaccerai

Magari anche imprecando alle mie spalle.

Nella buia anticamera la mano nella manica

Più non stenterà a entrare disfatta dal tremore.

Correrò via

E getterò il mio corpo sulla strada.

Selvatico animale

Impazzirò

Sotto una sferza di disperazione.

Ma così non si deve,

Mia cara,

Mia diletta,

Meglio lasciarci ora.

Non importa –

Il mio amore

È un pesante macigno

Che incombe su di te

Ovunque tu possa fuggirmi.

Lascia in un grido estremo che si sfoghi

L’amarezza dei lamenti e del rancore.

Quando anche un bue è disfatto di fatica

Lui pure andrà a gettarsi

In fredde acque in cerca di ristoro.

Ma altro mare non c’è

Per me

Tranne il tuo amore,

Né tregua c’è in amore anche nel pianto.

Se un elefante stanco vorrà pace

Si stenderà maestoso sull’infocata sabbia.

Ma altro sole non c’è

Per me

Tranne il tuo amore,

Benché io non so tu dove o con chi sei.

Se così se ne fosse tormentato

Dell’amore – un poeta

In soldi e gloria l’avrebbe mutato,

Ma altro suono non c’è

Che mi dia gioia

Tranne che il suono del tuo nome beato.

E non mi getterò giù dalla tromba delle scale

E non berrò il veleno

Né premerò il grilletto dell’arma sulla tempia.

E non c’è lama di coltello che

Abbia su me potere

Tranne che sia la lama del tuo sguardo.

Tu scorderai domani

Che io t’incoronavo,

Che d’un ardente amore l’anima ti bruciavo,

E un carnevale effimero di frenetici giorni

Disperderà le pagine dei miei piccoli libri…

Le secche foglie delle mie parole

Potranno mai indurre uno a sostare,

E respirare con avidità?

 

Almeno lascia che un’estrema tenerezza

Copra l’allontanarsi

Dei tuoi passi.

Leave a Reply

Area Riservata