Meglio di Niente Radio il sito che ti dà un’ opportunità.

Meglio di niente radio cerca persone che hanno voglia di scrivere o realizzare video sui più disparati argomenti dalla politica, alla storia, all’attualità, cronaca, arte, letteratura, musica, sport e altro. Se qualcuno ha voglia di cimentarsi mi contatti. Non è una proposta di lavoro ma un’opportunità per farsi conoscere e/o fare esperienza. Provaci. Mail bettocroce@libero.it Il coordinatore del sito Benedetto Croce. Grazie

E’ questione di sopravvivenza – Emanuele Andreani

 

Articolo di Riccardo Rage Gramazio

Spesso, per fortuna, mi imbatto in artisti di enorme e genuina onestà, incontro i cosiddetti artigiani della musica, autori che onorano il mestiere e che si affidano esclusivamente alle proprie emozioni. Emanuele Andreani, voce pesarese sui quaranta, appartiene senza dubbio alla categoria, e ci tengo tantissimo a sottolinearlo. Il suo ultimo lavoro in studio, E’ questione di sopravvivenza, è di fatto un prodotto di rara sensibilità, un contenitore di sensazioni forti, di colori e di riflessioni sulla condizione, ahimè, così complicata e così ambigua della natura umana. Andreani tratteggia egregiamente i lineamenti della persona, servendosi di una penna forte, capace e raffinata. Talento e ispirazione non mancano di certo, e se al composto aggiungiamo l’esperienza del chitarrista Luca Segatori, del batterista Francesco Vichi e di tutti gli altri musicisti chiamati in causa (diversi), beh, il risultato finale non può che essere ottimo. Oltre ai testi curatissimi e alla grande interpretazione, ascoltare per credere, Andreani ci offre una vasta gamma di sonorità, di strumenti, di scelte e di influenze. Il tutto è profondamente legato alla tradizione cantautorale, sia chiaro, ma le varie incursioni nel rock, nel folk o nel pop (quello buono) rendono questo disco un prodotto completo e variegato, capace di arrivare al primo ascolto e, al contempo, di richiamare nuove e più approfondite immersioni. Il matto e Follia non badano a spese emotive, trascinandoci nell’atmosfera malinconica, a tratti teatrale, partorita dai dolori della mente e dall’amaro senso di solitudine e di smarrimento. Cosa bisogna fare per cancellare il male? Dov’è l’amore (Schiavi)? Questo ci chiede il cantante. Già, perché da buon autore egli pone domande e non si prende la cattedra. In fondo siamo tutti così fragili, siamo tutti inghiottiti da una società malata. In fondo, proprio come afferma la terza traccia dell’opera, siamo semplicemente Uomini.
Le quindici canzoni sono tutte valide e piuttosto riuscite. Abbiamo momenti nostalgici, sì, ma anche situazioni più energiche (Materic Black). Abbiamo debolezze, ma anche le giuste forze per rialzarsi (Un Nuovo Me).
Andreani attraverso la sua musica ci racconta molto, quasi tutto di sé stesso: sofferenze, gioie, cicatrici e guarigioni. Nulla di facile, assolutamente. Del resto, E’ questione di sopravvivenza…

 

 

 

Mi chiamo Emanuele Andreani il mio ultimo cd si chiama: ”è questione di sopravvivenza”. Sono un ragazzo non vedente. I brani si potranno acquistare sia singolarmente oppure interamente tutte le 15 tracce da Amazon. Per scaricare sul proprio dispositivo tutto il mio album bisognerà scrivere Emanuele Andreani e il titolo del mio CD: È questione di sopravvivenza. Il costo è 9 euro e 99 centesimi mentre se si preferisce acquistare solo alcuni brani ciascuno di questi avrà un costo di 1 euro e 29 centesimi. Questo è solo una delle modalità che si può utilizzare per avere il mio album ma il CD chiaramente non sarà fisico. Modalità numero due. Coloro che saranno interessati ad avere il mio CD fisico, dunque tramite spedizione, possono con PayPal versare i 10 euro sulla mia email: emanuelevlandreani@gmail.com oppure con home banking è possibile fare un bonifico e qui di seguito codice iban: it 89 r 36 0000 32 000 ca 01 21 01 209 e il costo è sempre 10 €. Lo stesso codice iban è possibile utilizzarlo per ricaricare la mia MasterCard ma in questo modo ci sono due euro di commissione della carta prepagata totale 12 €.

IMPORTANTE: metà del ricavato andrà alla unione italiana ciechi di Pesaro, per incentivare le iniziative soprattutto dei ragazzi più giovani.

Sulla pagina I.Ri.For.R. Istituto per la ricerca della formazione e riabilitazione ONLUS Giordano Cardellini e Benedetta Bedini due ragazzi non vedenti di Pesaro descrivono nei minimi particolari questa iniziativa. Chiaramente per tutte le varie informazioni è possibile scrivermi su Messenger e sono molto felice se qualcuno vuole chiedere la mia amicizia sul mio profilo Facebook.

 

https://www.facebook.com/emanuele.andreani.5

http://www.ilragazzo.it/?fbclid=IwAR1jFQ2-LE2bhCqXPW7F13EA70rkYbbH3yqbg5ztB5giyNxy3eHlCh0e69Q

 

Leave a Reply

Area Riservata