Meglio di Niente Network il sito che ti dà un’ opportunità.

Un paio di scarpe ELLERY QUEEN

 

A Ellery Queen non piace l’idea di assistere per la prima volta in vita sua a un intervento  chirurgico. Lui non sopporta la vista del sangue. E tuttavia se a chiederglielo è un amico, il direttore medico del Dutch Memorial Hospital di New York, come rifiutarsi? Nella sala operatoria, qualche metro più in basso, lo staff attende l’arrivo della paziente: Abigail Doorn, eccentrica milionaria fondatrice dell’ospedale, entrata in coma diabetico. Ma quando la donna viene trasferita dalla lettiga sul tavolo operatorio, è chiaro che qualcosa non va. Il suo corpo è
troppo freddo. Mortalmente freddo. E il filo metallico con cui è stata strangolata non depone a favore di un decesso per cause naturali. Ora Ellery si ritrova per le mani un caso di omicidio e, come indizio, un paio di scarpe con un laccio strappato. Per la prima volta, potrebbe perdere la sfida che una mente diabolica gli ha lanciato.Questo è il primo libro di Ellery Queen che leggo e non mi ha entusiasmato tanto; comunque è un classico che mi mancava ed è giusto leggere tutti i generi. Un anziana milionaria viene strangolata sulla barella in attesa di essere operata, tutti vedono passare il chirurgo che doveva operare dirigersi al capezzale della paziente, ma in seguito vengono trovati un camice e un paio di scarpe nascoste. Ellery dimostrerà poi che niente è come sembra. Quando lo scrittore, o meglio gli scrittori, si fermano e propongono la sfida al lettore io, generalmente, non mi avvicino nemmeno lontanamente alla soluzione. Tutto è incentrato su di un paio di scarpe con la stringa rotta che viene descritta con dovizia di particolari, ma le deduzioni non sono il mio forte. Mi hanno proposto questo libro in un gruppo di lettura; direi che l’esperimento è riuscito. ​

 

Ellery Queen è lo pseudonimo di due cugini di origini ebraica, l’uno di nome Frederic Dannay nato il 20 ottobre 19o5 come Daniel Nathan e registrato all’anagrafe come David, l’altro di nome Manfred Bannington Lee, nato come Manford Lepofsky ,ma registrato all’anagrafe come Emmanuel: erano scrittori di romanzi polizieschi e avevano creato un personaggio di nome Ellery Queen.
Ellery Queen compare nel 1929 e in breve diventa assai famoso tanto che i due autori fondarono anche una rivista, Ellery Queen Mistery Magazine che per molti anni fu la più influente tra le pubblicazioni specializzate in letteratura gialla-Ellery Queen, il cui personaggio proveniva da un racconto che aveva partecipato come opera prima a un concorso , era un giovane scrittore di gialli laureato ad Harvard ma a tempo perso anche un investigatore dilettante assai abile, con la particolarità che lui studiava il mondo del crimine per puro diletto e non voleva infatti nessun compenso. Un’altra particolarità del personaggio era che suo padre,Richard Queen, era a capo della sezione omicidi della polizia di New York, e spesso Ellery aiutava il padre e i suoi uomini.

 

Leave a Reply

Area Riservata