Meglio di Niente Radio il sito che ti dà un’ opportunità.

Meglio di niente radio cerca persone che hanno voglia di scrivere o realizzare video sui più disparati argomenti dalla politica, alla storia, all’attualità, cronaca, arte, letteratura, musica, sport e altro. Se qualcuno ha voglia di cimentarsi mi contatti. Non è una proposta di lavoro ma un’opportunità per farsi conoscere e/o fare esperienza. Provaci. Mail bettocroce@libero.it Il coordinatore del sito Benedetto Croce. Grazie

Asio otus

Il gufo comune (Asio otus (Linnaeus, 1758)) è un uccello diffuso nel Nordamerica, in Europa e in Asia. Vive principalmente nelle foreste di conifere e nei boschi.

 

Descrizione

Il gufo comune è caratterizzato da tipici ciuffi sulle orecchie, semplici piume che non incidono sul funzionamento dell’apparato uditivo, peraltro finissimo. È un animale esclusivamente notturno; caccia una grande varietà di piccoli animali, quali topi, toporagni (Sorex araneus), talpe (Talpa europaea), scoiattoli, pipistrelli, ratti, uccelli e insetti. Durante il giorno dorme nelle cavità degli alberi o in vecchi ruderi, perfettamente mimetizzato dal piumaggio.

Le sue dimensioni variano fra i 35 e i 40 cm di lunghezza, con un’apertura alare di 90-100 cm.

Il gufo non può muovere gli occhi, in compenso però riesce a ruotare la testa di ben 270°.

 

Biologia

Nidifica tra marzo e maggio, in base alla zona; quando c’è cibo a sufficienza può fare due covate. La femmina depone da 3 a 10 uova, la media è di 4 o 5 per covata, nel nido di un’altra specie o in quello di uno scoiattolo. Se non trova nidi di questo genere depone le uova sul suolo, sotto un albero o un arbusto. Cova le uova per 26-28 giorni, in questo periodo e fino a dopo la schiusa, la femmina viene nutrita dal maschio. I piccoli lasciano il nido dopo 3-4 settimane.

È l’unico rapace notturno che in inverno si riunisce appollaiato. Da dicembre a febbraio, infatti, i gufi comuni trascorrono le proprie giornate sullo stesso albero dal quale poi s’involano la sera, per andare a caccia. All’inizio della primavera si disperdono, abbandonando il dormitorio (“roost”), per accoppiarsi e nidificare. Il sistema migliore per censire i gufi comuni consiste proprio nel ritrovare un appollatoio e contare gli animali presenti.

I gufi, infatti, si intrattengono sullo stesso ramo per tutto l’inverno, e, spesso, rimangono fedeli negli anni allo stesso roost. Il probabile significato di questo comportamento sociale potrebbe essere di protezione reciproca ma anche di scambio di informazioni sulle disponibilità trofiche, ovvero i luoghi dove bisogna andare a cacciare.

Il verso è un grido abbastanza forte, simile ad altri uccelli del suo genere tassonomico.

Alcune popolazioni settentrionali migrano durante l’inverno verso sud (Messico, Egitto, India) ritornando nella loro abituale zona di diffusione la primavera successiva.

 

Il gufo nella cultura di massa

 

  • Secondo una leggenda spagnola, il gufo è diventato un uccello notturno dopo aver assistito alla crocifissione di Gesù: da allora, il rapace continua a ricordare quell’evento, ripetendo nel suo tipico verso la parola cruz, ossia croce.
  • Gufare, nel registro colloquiale, vuol dire portare sfortuna.
  • Per via del loro verso cupo, la natura schiva e le abitudini notturne, i gufi vengono spesso rappresentati come creature oscure e maligne, oppure nel ruolo di “Uccelli del malaugurio“.
  • Nella tradizione fiabesca e nel mondo dell’animazione il gufo è quasi sempre rappresentato come un animale saggio ed erudito, che diffonde la sua cultura a tutta la comunità animale con cui entra in contatto, ma è anche molto pignolo e permaloso. Validi esempi sono Anacleto, il gufo che vive con Merlino ne La spada nella roccia della Disney, Uffa, il gufo abitante del famoso Bosco dei cento acri che è teatro delle avventure di Winnie the Pooh, il gufo di Bambi, Grandma in Red e Toby nemiciamici e il Grande Gufo del film Brisby e il segreto di Nimh (anche se quest’ultimo non è affatto permaloso).
  • I gufi trovano ampio spazio nella popolarissima saga di Harry Potter, nella quale hanno il compito di recapitare la posta dei maghi.
  • Nell’anime Haikyū!! i gufi sono il simbolo della Fukurōdani; infatti, il capitano (Bokuto Kōtarō) presenta tratti peculiari per cui può essere associato a questi animali.
  • Nel film “Il regno di Ga’Hoole – La leggenda dei guardiani”, i gufi (insieme ad altri rapaci notturni) sono i personaggi principali.
  • Nella serie I segreti di Twin Peaks i gufi sono indicati come una delle forme in cui può incarnarsi BOB.
  • Nella serie a fumetti “Watchmen”, terminata con il dodicesimo numero, e, successivamente, arricchita con differenti prequel fumettistici, il personaggio “Nite Owl I”, come “Nite Owl II”, trae il proprio nome dal gufo: difatti, il suo stesso nome rimembra una delle abitudini del gufo, nonché la veglia notturna, e la conseguente caccia. Inoltre, nella stessa saga, il secondo “Nite Owl” utilizza un’astronave denominata “Archie” o “Cleto”, diminutivo del noto Anacleto, animale domestico del Mago Merlino de “La spada nella roccia”.

 

Leave a Reply

Area Riservata