Meglio di Niente Radio il sito che ti dà un’ opportunità.

Meglio di niente radio cerca persone che hanno voglia di scrivere o realizzare video sui più disparati argomenti dalla politica, alla storia, all’attualità, cronaca, arte, letteratura, musica, sport e altro. Se qualcuno ha voglia di cimentarsi mi contatti. Non è una proposta di lavoro ma un’opportunità per farsi conoscere e/o fare esperienza. Provaci. Mail bettocroce@libero.it Il coordinatore del sito Benedetto Croce. Grazie

Brazzo

Hasan Salihamidžić (Jablanica, 1º gennaio 1977) è un ex calciatore bosniaco, di ruolo difensore o centrocampista, attuale direttore sportivo del Bayern Monaco.

Possiede il passaporto tedesco.

È soprannominato Brazzo (braco in lingua bosniaca, dove la c, intesa come affricata alveolare sorda, si legge z[1]), che significa “fratello”.

 

Caratteristiche tecniche

È un centrocampista ambidestro. Nato come seconda punta, è stato utilizzato da Ottmar Hitzfeld come esterno destro in un 3-5-2, ma quando al Bayern Monaco è arrivato il suo maestro Felix Magath ha iniziato a giocare come esterno di fascia nel 4-4-2, convertendosi a centrocampista in modo definitivo. Inoltre è capace di ricoprire anche il ruolo di terzino in una difesa a quattro, sia a destra che a sinistra. Grazie a simili caratteristiche, alla Juventus veniva utilizzato come un vero e proprio jolly, sia di difesa che di centrocampo.

 

Carriera

Club

Amburgo

Cresce in patria nelle giovanili di Turbina Jablanica e Velez Mostar ed arriva in Germania nel 1992 all’Amburgo con la cui squadra amatoriale debutta nella Regionalliga tedesca nella stagione 1994/95. Ha esordito nella Bundesliga con la maglia dell’Amburgo nel 1995 nel ruolo di punta, diventando ben presto un centrocampista esterno.

Bayern Monaco

Nel 1998 passa a parametro zero al Bayern Monaco, squadra con la quale in dieci stagioni conquista sei campionati tedeschi, quattro edizioni della Coppa di Germania, una Champions League (con un’altra finale persa) ed una Coppa Intercontinentale. Nella squadra tedesca totalizza più di 300 presenze tra campionato e coppe, divenendo in quegli anni uno dei giocatori più rappresentativi del club. Con i bavaresi realizza tutte le 10 reti in carriera in Champions League, la prima delle quali nella vittoria esterna per 1-2 contro il Barcellona nella fase a gironi 1998-99.[2]

Juventus

In scadenza di contratto col Bayern Monaco, viene acquistato a parametro zero dalla Juventus. Il 16 gennaio 2007 ha firmato contratto fino al 30 giugno 2011 con la Juventus, in cui gioca dal 1º luglio 2007.[3] L’esordio con la maglia bianconera in Serie A avviene il 25 agosto 2007 nella gara contro il Livorno (5-1) mentre un mese dopo segna il primo gol, 26 settembre contro la Reggina. Termina la prima stagione bianconera con 26 presenze e 4 gol, tra cui la doppietta decisiva nella partita del 12 aprile 2008 contro il Milan vinta 3 a 2.

All’inizio della sua seconda stagione accusa alcuni infortuni.[senza fonte] Segna il suo primo gol stagionale il 14 marzo 2009, nella partita casalinga di campionato vinta 4-1 contro il Bologna, in cui regala anche due assist per la doppietta di Del Piero. Gioca la prima partita della stagione 2009-2010 contro il Chievo (1-0) ma nella stessa gara esce dal campo ed è costretto a stare fuori dai campi di gioco per tre mesi. Torna nella gara casalinga persa contro il Catania (1-2), in cui segna anche il gol del momentaneo pareggio e si ripete la giornata dopo al Tardini contro il Parma (1-2) segnando il gol dell’iniziale 1-0.

Non rientrando più nei piani della società, in seguito alla mancata cessione nel calciomercato dell’estate 2010 viene messo fuori rosa.[4][5] Torna in gruppo nei primi giorni di settembre[6][7] venendo preso in considerazione soltanto per la sfida contro il Cesena, per sostituire dei giocatori infortunati, nonostante la resistenza di qualche dirigente.[8] Debutta dunque in stagione il 7 novembre 2010 nella partita coi romagnoli vinta per 3-1, entrando al 78′ realizzando un assist per il gol di Iaquinta del 3-1 finale.[9]

Wolfsburg

Il 4 luglio 2011 si accasa a parametro zero al Wolfsburg; il giocatore firma un contratto di un anno.[10] Dopo aver segnato in Coppa di Germania, segna la sua prima doppietta in campionato il 19 novembre nel 4-1 all’Hannover. A fine stagione rimane svincolato[11] e si ritira.

Nazionale

Ha militato per dieci anni nella nazionale bosniaca, con cui ha esordito l’8 ottobre 1996 contro la Croazia in una gara valida per le qualificazioni ai mondiali di calcio Francia 1998. Proprio in questa manifestazione mette a segno il suo primo gol in nazionale. Si ripeterà il 6 novembre 1996 in un’amichevole vinta per 2-1 a Sarajevo contro l’Italia. Il 4 giugno 2005 segna una doppietta contro San Marino.

Dopo il ritiro

Ha lavorato come opinionista sportivo per alcune reti televisive tedesche, in particolare RTL e ZDF, per cui ha commentato la UEFA Champions League ed il campionato mondiale di calcio 2014.

Il 13 gennaio 2017 ritorna al Bayern Monaco come ambasciatore del club insieme a Giovane Élber e Bixente Lizarazu.[12][13] Il 31 luglio diventa il direttore sportivo dei bavaresi.[14]

 

 

Fonte: Wikipedia

Leave a Reply

Area Riservata