Cancelo e Ronaldo piegano una Lazio monumentale. La Juventus vince 2-1 all’Olimpico.

Nel match valevole per il posticipo domenicale della 21° giornata di Serie A Tim, la Juventus vince 2-1 in casa della Lazio di Simone Inzaghi, e allunga a più undici sul Napoli. Successo in rimonta per la squadra di Massimiliano Allegri che, dopo il vantaggio laziale a causa dello sfortunato autogol di un disastroso Emre Can, trova le vie della rete grazie al tandem portoghese Cancelo-Ronaldo. In seguito alla vittoria odierna, la Vecchia Signora sale a quota 59 punti, e attacca un importantissimo tassello al mosaico dell’ottavo scudetto consecutivo. I bianco-celesti, nonostante la sconfitta, escono all’Olimpico tra gli applausi del pubblico e, pur scivolando all’ottavo posto in classifica, mantengono i tre punti di distacco dal quarto posto.

La partita:

La Lazio scende in campo con il solito 3-5-1-1, con Joaquin Correa in qualità di seconda punta, al servizio di Ciro Immobile, con Luis Alberto mezz’ala sinistra. Solita Juventus, con Dybala, Douglas Costa e Ronaldo in avanti, e con Emre Can in cabina di regia al posto dell’infortunato Pjanic.

L’atteggiamento in campo dei padroni di casa è apparso piuttosto motivato, attento ed aggressivo, a discapito di una Juventus insolitamente distratta e scossa dall’atteggiamento propositivo degli avversari, i quali hanno ostruito le possibili manovre offensive degli avversari, mantenendo un bricentro alto ed un pressing asfissiante. Al 19° il primo guizzo della Lazio, con Correa che impegna Szczesny dalla distanza. Da lì, la partita è strettamente nelle mani dei bianco-celesti, che con Luis Alberto e Parolo non riescono a trovare la via della rete, inginocchiandosi davanti ad un sontuoso Szczesny. Male Emre Can, che soffre il pressing di Luis Alberto, Parolo e Milinkovic, arrivando a perdere sanguinosi palloni nella metà campo bianco-nera. Il primo tempo si conclude con un salvataggio a porta vuota di Rugani, negando la via del gol ad Immobile che, con un pallonetto era riuscito a superare l’estremo difensore ex Roma.

Il secondo parziale di gara si apre con i capitolini vicino al vantaggio, ancora con il 10 ex Liverpool, che spedisce al lato sinistro. Al 60° arriva il meritato 1-0 degli uomini di Inzaghi, con Emre Can che, sugli sviluppi di un corner, insacca nella propria porta. La Lazio sta letteralmente massacrando la Juventus, graziata dai clamorosi errori sottoporta ancora di Luis Alberto ed Immobile. La svolta arriva al 64°, con l’ingresso in campo di Bernardeschi per Matuidi, e di Joao Cancelo per Douglas Costa. Al 74°, è proprio il portoghese ex Inter a trovare il primo gol in A con la maglia della Juventus, che sfrutta una respinta di Strakosha sul sinistro di Dybala.

All’88°, quando la partita è ormai agli sgoccioli, Lulic stende in area il numero 20 della formazione ospite, Guida assegna il rigore, trasformato da Cristiano Ronaldo. Rimonta completata. Gli uomini di Allegri hanno persino l’occasione di portarsi sul 3-1 sempre con Cancelo che, troppo altruista, davanti al portiere non conclude e cerca un innocuo Bernardeschi che, marcato, non poteva rendersi pericoloso. Il match termina al 94°, subito dopo un calcio di punizione alto di Milinkovic. La Juventus si è resa protagonista di un’impresa, dominata per 74 minuti da una Lazio strepitosa ed eroica, ma meno di Wojciech Szczesny e di Joao Cancelo.

 

Le pagelle della partita:

Lazio: Strakosha 6, Bastos 8 (dal 44° s.t. Pedro Neto SV), Wallace 7, Radu 7, Parolo 7,5, Milinkovic 7, Lucas Leiva 8, Luis Alberto 7,5 (dal 35° s.t. Berisha SV), Lulic 5, Correa 7, Immobile 6 (dal 25° s.t. Caicedo SV).

Juventus: Szczesny 10, De Sciglio 5,5, Bonucci 6 (dal 40° p.t. Chiellini 6,5), Rugani 6, Alex Sandro 6, Bentancur 6, Emre Can 5, Matuidi 5 (dal 15° s.t. Bernardeschi 7,5), Dybala 5,5, Ronaldo 6, Douglas Costa 5 (dal 25° s.t. Joao Cancelo 8,5)

 

Leave a Reply

Area Riservata