Il giorno più importante della carriera di Spinazzola

Mancano circa cinque ore al fischio d’inizio di Juventus-Atletico Madrid, e Massimiliano Allegri ha sparigliato le carte in conferenza stampa, aprendo alla concreta possibilità di vedere Spinazzola in campo dal primo minuto.

_“Spinazzola è un possibile titolare. In questi momenti qualcuno che abbia più incoscienza ci vuole…”_

Una scelta coraggiosa, quanto doverosa. Le fondamenta calcistiche della filosofia di gioco di mister Simeone si reggono sulla solidità difensiva per vie centrali. El Cholo schiererà due linee compatte da quattro giocatori ciascuna, nel suo 4-4-2 old school, but gold, visti i grandi risultati ottenuti dai madrileni in patria ed in Europa grazie a tale assetto. Nel reparto arretrato, oltre a Godin e Gimenez, i boia della Juventus al Wanda Metropolitano, agiranno anche Juanfran ed Arias, giocatori che non rivestono la parte di punto forte dei colchoneros, anzi, tatticamente nonché storicamente l’esatto contrario. Da quelle parti, Madama dovrà sfondare, allargando il gioco e aprendo spazi nella blindata retroguardia dell’Atletico. Il terzino portoghese Joao Cancelo esordirà nella fase ad eliminazione diretta di Champions League, tuttavia, per Leonardo Spinazzola, che è sceso in campo titolare per la seconda volta in campionato in Juventus-Udinese, il salto è ancor più azzardato ed avventuroso. Arrivato in estate dal prestito biennale all’Atalanta, e dato per partente in questa sessione di mercato, oggi esordirà in Europa, in Coppa Campioni, nella partita dell’anno per la Juventus. L’occasione è troppo ghiotta, stupire per rendere indimenticabile la partita che farà da spartiacque nella sua carriera.

Leave a Reply