Meglio di Niente Radio il sito che ti dà un’ opportunità.

J-TACTICS – Il silenzio degli innocenti (S02 E21)

Giovedì 05 Marzo sul nostro NUOVO canale sulla piattaforma di SPREAKER, alle ore 22.00, andrà in onda la nostra trasmissione.

“Il silenzio degli innocenti” è un film del 1991 diretto da Jonathan Demme.

Titolo originale dell’opera: “The silence of the lambs”.

Basato sul romanzo omonimo di Thomas Harris è il secondo film tratto dai romanzi incentrati sulla figura del serial killer Hannibal Lecter.

La comparsa di un folle e sadico serial killer soprannominato “Buffalo Bill”, che uccide e scuoia delle giovani ragazze induce Jack Crawford, dirigente dell’FBI, a cercare l’aiuto del dottor Lecter, ex psichiatra e criminologo, detenuto in un manicomio criminale in quanto accusato di aver ucciso alcuni suoi pazienti e di averne divorato i corpi.

Si ritiene che lo stesso Lecter possa sapere molte cose utili alla cattura di “Buffalo Bill”.

Dato tuttavia il rifiuto del dottor Lecter di collaborare, il dirigente Crawford decide di assegnare il caso alla recluta Clarice Starling, sperando che la giovane donna riesca a persuadere il folle ex psichiatra.

Clarice, in cambio del suo aiuto, si sottopone durante gli incontri, alle sue sedute di analisi e racconta ad esso di essere rimasta turbata, durante l’infanzia, oltre che dalla morte del padre, dalla scena straziante degli agnellini destinati alla macellazione che belavano disperati (non a caso gli agnelli medesimi danno il titolo nella sua versione originale all’opera, cambiato in italiano con la parola “innocenti”).

Grazie agli incontri ed all’aiuto di Lecter, Clarice riesce a scovare “Buffalo Bill” e ad ucciderlo.

Lecter riesce ad evadere facendo perdere le sue tracce.

Durante il ricevimento per la promozione ad agente speciale dell’FBI, Clarice riceve una telefonata dallo stesso Lecter rifugiatosi nel frattempo alle Bahamas, che le chiede se finalmente “gli agnelli hanno smesso di gridare”, ossia se i traumi e fantasmi del passato hanno smesso di tormentarla.

Facendo la nostra solita trasposizione dalla cinematografia al mondo del calcio, ed in modo specifico alle vicende juventine, potremo utilizzare il titolo e le vicende narrate nella pellicola per analizzare la surreale e paradossale situazione d’assedio mediatico e non solo che la Juventus sta vivendo nelle ultime settimane a seguito del caos venutosi a creare nel mondo del calcio per effetto del diffondersi soprattutto in alcune zone d’Italia, del cd. Coronavirus.

Le istruzioni sportive e politiche brancolano letteralmente nel buio.

Porte aperte, porte chiuse, campi neutri, posticipi a data da destinarsi, decisioni prese e clamorosi dietrofront.

Il calcio italiano, così come buona parte del paese, vive in uno stato di confusione ed improvvisazione.

I bianconeri, come capitato spesso nella loro storia, si sono trovati loro malgrado al centro di attacchi vergognosi, accusati di essere il grande manovratore che cerca, tanto per cambiare a loro dire, di trarre vantaggio da tale situazione d’emergenza.

Non solo semplici tifosi ma anche addetti ai lavori cavalcano ignobilmente un’onda d’indignazione accusando i campioni d’Italia di fare solo i propri interessi.

Oggetto del contendere che ha acceso la miccia mediatica è il match di serie A, Juve-Inter.

Incontro che si sarebbe inizialmente dovuto giocare a porte chiuse nella data stabilita, poi rinviata a metà maggio, creando un intasamento nei calendari delle due contendenti, ma non della Lazio la quale avrebbe giovato palesemente di tale rinvio per effetto del fatto d’essere già fuori dalle varie competizioni che la vedevano impegnata e con il solo campionato ancora da giocarsi.

Il derby d’Italia viene poi anticipato a lunedì 09 marzo ma data la situazione d’incertezza nessuno può pronosticare con assoluta sicurezza che tale match sarà aperto al pubblico.

Un caos, un marasma totale, un un’emergenza seria e senza precedenti nella recente storia italiana, diventata terreno di scontro tra le due acerrime nemiche, la cui rivalità si è acuita ancor di più negli ultimi anni a seguito di calciopoli, ma che mai si era spinta ad un livello tale quasi non tenendo conto che l’emergenza sanitaria vissuta nelle ultime settimane dal nostro paese va al di là del calcio e risulta essere una situazione ben più complessa e grave che esula o dovrebbe esulare dalle misere beghe in cui viene spesso e senza ritegno trascinata la Juve.

La Juve appunto, che come al solito diviene alibi dei perdenti e paravento per mascherare le mancanze ed inefficienze altrui.

I bianconeri che secondo i “ben informati” sarebbero ancora una volta i burattinai e l’anima nera i quali mirerebbero a minare la regolarità del campionato per i propri interessi personali.

Una barca in mezzo alla tempesta, in cui spicca il silenzio dei campioni d’Italia, appunto così come recita il titolo della pellicola che da il titolo all’odierna puntata di J-TACTICS, “il silenzio degli innocenti” utilizzabile anche nella sua forma originale appunto, “the silence of the lambs”, Il silenzio degli agnelli.

Andrea Agnelli, accusato di essere il grande manovratore affinché il derby d’Italia, a dispetto della salute pubblica, venga comunque giocato con la presenza del pubblico amico di casa.

Follia, follia allo stato più puro, disinformazione e malafede anche da parte di addetti ai lavori, situazione a cui i bianconeri sono oramai abituati, ma ancor più dall’essere utilizzati come capro espiatorio per la grave inadeguatezza dimostrata dalle autorità politiche in primis e da quelle sportive poi nella gestione di un’emergenza a livello nazionale.

Ci chiediamo, è accettabile che la Juve ancora una volta preferisca trincerarsi in un “silenzio degli innocenti” che si presta ad essere strumentalizzato, piuttosto che prendere una posizione netta zittendo le malelingue?

Alla luce delle chiare dichiarazioni del presidente del Brescia Cellino, il quale ha affermato che Andrea Agnelli avrebbe accettato di giocare il derby d’Italia a porte chiuse, sarebbe il caso che lo stesso presidente intervenisse per tutelare il suo buon nome e quello della società che presiede?

Ancora, la Juventus quali mosse dovrebbe intraprendere affinché data la totale assenza di organizzazione nella gestione della situazione da parte della lega, la sua posizione ed i suoi legittimi interessi non vengano danneggiati?

Come giudicate poi le parole, a dir poco irriguardose e deliranti, del presidente dell’inter Zhang il quale in un post su Instagram si è scagliato contro il presidente della lega serie A, Dal Pino definito come “pagliaccio” dal presidente nerazzurro?

Infine, quante possibilità sussistono che il campionato 2019/20 venga annullato per l’impossibilità di portarlo regolarmente a termine data la lunga serie di rinvii e posticipi e l’assenza di date utili per recuperare tali match?

Un campionato fermo e cristallizzato può avere ripercussioni negative nel caso in cui il cammino dei bianconeri dovesse eventualmente proseguire in Champions League?

In un clima di quarantena e di apocalisse prosegue tuttavia ed inspiegabilmente: “Il silenzio degli innocenti” o degli Agnelli che dir si voglia.

Vi terranno compagnia come sempre gli insuperabili ragazzi della redazione di J-TACTICS e di Megliodiniente.com, ci verrà nuovamente a trovare anche il sempre competente Luca Gramellini, che da questa stagione sarà presenza quasi fissa nella nostra trasmissione.

Sarà un’altra puntata scoppiettante e ricca di contenuti, come sempre!

Non perdetevi il meglio! Non mancate!

Ecco il link per poter accedere al nostro canale spreaker, e previa registrazione, (semplicemente con una mail valida ed una password da voi scelta) poter interagire con noi durante la diretta tramite la chat live:

https://www.spreaker.com/show/4064277

Ricordiamo che l’app di Spreaker è scaricabile dai market Android ed Apple gratuitamente e permette, nella versione per smartphone di seguire la diretta anche in background, ossia a schermo spento o utilizzando in contemporanea altre applicazioni, è possibile seguire la diretta anche nella versione desktop per PC.

L’app consente infine anche di ascoltare in differita la trasmissione o di scaricarla comodamente per un ascolto in un secondo momento.

(Francesco Musina)

Leave a Reply

Area Riservata