Juve-Napoli: Romanzo popolare, presentazione del libro

“Questo libro piacerà anche ai non amanti del pallone. Perché, in queste pagine, si parla di vita, di sogni, di illusioni, di conquiste, di avventure, di letteratura».

Juve-Napoli non è soltanto una grande sfida calcistica: una rivalità fondante (nel bene e nel male) dell’identità stessa di noi italiani.

Venerdì scorso presso la libreria Ubik di Napoli, i due autori hanno presentato il libro. Presenti alla serata anche Max Gallo, direttore de Il Napolista e organizzatore dell’incontro, l’avvocato Edoardo Cardillo, presidente del Napoli Club Tribunale, e la giornalista Raffaella Iuliano.

Pastorin e Imperatore, scrittori e amici divisi solo dal tifo per le loro squadre del cuore (rispettivamente Juventus e Napoli), raccontano, attraverso aneddoti e curiosità, cosa vuol dire per loro tifare i bianconeri e gli azzurri e come questa rivalità abbia rilevanti spunti sociologici e culturali.

In questa prima parte Vincenzo Imperatore, autore del libro assieme a Darwin Pastorin, racconta il suo incontro con Carlo Iuliano. Imperatore aveva appena 8 anni mentre Iuliano era già dirigente del Napoli, erano i primi anni 70. Segue una testimonianza della figlia di Carlo Iuliano, Raffaella.

Come nessun’altra passione, il tifo è indelebile e assoluto; riflette un’appartenenza culturale, storica, geografica e sociale; è un bene che spesso si tramanda di padre in figlio.

Darwin Pastorin racconta la sua adorazione per Pietro Anastasi, e le vicende che lo hanno portato a diventare suo amico. Vincenzo Imperatore poi racconta la sua esperienza del 5 luglio 1984, giorno in cui fu presentato Maradona allo stadio San Paolo

Vincenzo Imperatore (Napoli, 1963), autore di saggi finanziari, giornalista pubblicista, collabora con quotidiani e riviste specializzate e conduce un programma radiofonico di informazione finanziaria. Con Chiarelettere ha pubblicato Io so e ho le prove (2014), Io vi accuso (2015) e Sacco bancario (2017).

Darwin Pastorin è nato a San Paolo del Brasile nel 1955. Figlio, nipote e pronipote di emigranti veneti. Giornalista. Narratore di storie calcistico-letterarie. Suo figlio si chiama Santiago per il pescatore de Il vecchio e il mare di Hemingway. Ha un blog su Huffington Post. È presidente onorario dell’FC Ivrea 1905 ed è membro del Comitato Scientifico del Museo della Juventus (JMuseum). Da ragazzo giocava centravanti.

Raffaella Iuliano affronta la questione della rivalità sportiva tra Juventus e Napoli, e la cultura dell’alibi che è diffusa tra alcuni napoletani. Vincenzo Imperatore interviene ed è d’accordo col suo punto di vista, poi interviene Massimiliano Gallo.

Leave a Reply