Meglio di Niente Network il sito che ti dà un’ opportunità.

Milan Ibra non basta

Articolo di Luigi Lencioni

Si parla molto di Zlatan Ibrahimovic come nuovo giocatore del Milan già a Gennaio, dopo che lo svedese ha salutato gli States con un  post da divinità. L’ attaccante potrebbe tormare in Italia con un contratto di 6 mesi più opzione per il secondo anno.  L’ aspetto economico sembra risolvibile con il giocatore che si ” accontenterebbe” di 3,5 milioni per sei mesi. L’ altra ipotesi è il ritiro, ne sapremo di più a breve. Ibrahimovic è un attaccante fantastico e dalla giusta personalità per prendersi la squadra rossonera per mano, grazie anche alla sua esperienza. Ma questo non può bastare e non risolve i problemi del Milan che sono molti e piu importanti. La squadra non ha molta qualita’ e sembra in  depressione continua e prolungata con i risultati che non arrivano nonostante il cambio allenatore. Pioli sta facendo peggio di Giampaolo. Occorre guardare in faccia la realtà e pensare a salvarsi. La classifica parla di zona retrocessione e serve almeno combattere con i denti. La fatica nel battere le squadre sulla carta piccole, è enorme. Occorre prendere consapevolezza della situazione. Non c è leader solo buoni giocatori, nessuno dei quali ha vinto niente e la paura incombe. La società con Maldini e Boban che guadagnano più di ogni giocatore, ed i risultati, le scelte di mercato e tecniche, non sono state indovinate. Manca una logica con Elliot che sembra interessato solo a trovare un compratore. Lo stadio,  la possibilità di costruirne uno, renderebbe piu’ semplice una cessione che sembra l’ unica salvezza. Il Milan è in caduta libera e pieno di debiti, che costringeranno a vendere almeno un pezzo pregiato, e già non sono tanti. Suso e Donnarumma sono i maggiori indiziati. Comprare svincolati o giocatori senza  alcun criterio peggiora le cose. Va bene una filosofia basata sui giovani, ma che siano validi. Pensare al costo di Paquetà e Leao mette i  brividi. La Champions sembra un miraggio ed anche l’ Europa minore irraggiungibile. Trovare sul mercato giocatori esperti e vincenti disposti a trasferirsi a Milano sembra difficile. Il non giocare le coppe è un grandissimo handicap e l ‘ insicurezza societaria peggiora le cose. Ibra potrebbe essere il leader ma da solo non basta. Gli anni,  38, cominciano  a pesare ed alla fine nemmeno lo svedese ha mai vinto tanto.  Negli Usa dove viaggiava ad una media di un goal a partita non è riuscito ad aggiudicarsi nessun trofeo. Una mossa pubblicitaria non serve a nessuno, il Milan deve ritrovarsi e risalire piano piano la corrente con un idea ed un progetto che sembra non esserci. I fuoriclasse del passato non bastano per acquistare giocatori e vincere le partite. Boban e Maldini sembrano delle figurine inutili come l ‘ amministratore delegato che si interessa solo ed esclusivamente di soldi, dei conti che devono tornare. Peccato che guadagni quanto o più del capitano.  Tanta confusione e la certezza che ancora non abbiamo visto la fine. Gattuso è il grande rimpianto ma da persona intelligente aveva capito tutto ed è scappato anche se a malincuore.

 

Leave a Reply

Area Riservata