Meglio di Niente Network il sito che ti dà un’ opportunità.

SCHELETRO

Il suo scheletro stava
come assonnato laggiù:
incubo annidato tra i marmi,
serpe nuda e morta
ai piedi della cattedrale.

Mordeva ancora la polpa,
chiedeva la verità della terra,
la voracità dei vermi
nella tenerezza defunta:

I teologi di passaggio
ne adoravano le forme,
facevano del vento, ricurvi,
la loro penitenza:
lo chiamavano Dio
ne turbavano il sonno…

E forse era Dio
o chi per lui.

(Ignazio Cancellu)

One Response

  1. furio detti 6 Settembre 2019

Leave a Reply

Area Riservata