Semplice

Tolleranza zedda, quello che Heriberto non disse.

Un chicco di riso, basta un semplice chicco di riso per dar vita all’idea, di un piatto straordinario.

Così sei tu, umile, semplice, chiaro, come il riso che forma la straordinaria pietanza della tua città.

Dovresti incazzarti di più con chi stupidamente non vede la tua grandezza, come l’ha riconosciuta chi, invece, ti ha voluto giovanissimo, emulo del figlio del padre.

Sembri accettare ogni avversità con supina rassegnazione. È arrivato il momento di dimostrare che anche il tuo nome è importante, anche se la moda dei giovani supporters è di considerare grande solo chi ha un nome straniero

Coraggio e forza saranno tue alleate, il fenomeno è venuto da te, non dimenticarlo mai. È venuto dove il nero si alterna al bianco.

Un sinistro destro come solo tu sai fare e metterai al tappeto avversari in campo e fuori.

Ora o mai più, è arrivato il momento caro figliolo bianconero, di far riassaggiare il risotto alla milanese vero, quello dorato dallo zafferano e abbinato con l’ossobuco. Abbiamo bisogno di mangiarlo di gusto, ne ha bisogno la squadra.

È arrivato il momento di ricordare a tutti che quella maglia è stata di Claudio Gentile.

Gentile solo di nome, italiano come te, juventino vero, come noi.

Buon campionato Mattia.

(Heriberto Herrera)

Leave a Reply