Meglio di Niente Radio il sito che ti dà un’ opportunità.

Meglio di niente radio cerca persone che hanno voglia di scrivere o realizzare video sui più disparati argomenti dalla politica, alla storia, all’attualità, cronaca, arte, letteratura, musica, sport e altro. Se qualcuno ha voglia di cimentarsi mi contatti. Non è una proposta di lavoro ma un’opportunità per farsi conoscere e/o fare esperienza. Provaci. Mail bettocroce@libero.it Il coordinatore del sito Benedetto Croce. Grazie

Tiziano Sclavi, Dylan Dog e il Venezuela | Pinuccia Castellotti

Pinuccia parla di TIZIANO SCLAVI

Dal primo anno di Ginnasio (1967) e sino alla fine del liceo classico (Pavia) ero in classe con Tiziano Sclavi.

Nel tempo sono andate rivelandosi le sue doti di scrittore, che si esternavano per esempio in ballate e racconti.

Tra i suoi interessi, oltre la lettura, c’erano cinema e musica.

La nostra era una classe di persone speciali: mettendo insieme le varie competenze, abbiamo messo in scena uno spettacolo teatrale.

Tra i personaggi dei primi Dylan Dog, cioè fino a quando a redigere il testo era Tiziano, riconosco alcuni dei compagni di classe. Molte battute di Groucho risalgono agli anni del Liceo.

Credo che la nostra classe sia stata un interessante serbatoio di personaggi, tra studenti e professori, che poi sono apparsi in diversa misura negli episodi di Dylan Dog.

Finito il Liceo, ci siamo frequentati più sporadicamente anche perché dopo pochi esami alla facoltà di Lettere Moderne Tiziano lascia l’Università e si trasferisce da Pavia a Milano, dove lavora come redattore al “Corriere dei ragazzi”. Quindi anche lui, come me, non si è mai laureato.

Dopo vari impieghi, e dopo aver scritto libri, creato personaggi ecc. Approda alla Bonelli nel 1981 (anno in cui io mi trasferisco in Venezuela). Alla Bonelli, nel 1986, esce la serie Dylan Dog. Su indicazione di Tiziano, il volto di Dylan si rifà a quello di Rupert Everett.

In seguito ci siamo re-incontrati a Milano dove, con mia sorpresa, ho visto che Dylan assomigliava moltissimo proprio a Tiziano! Non ultimo il fatto di indossare Clark, jeans, camicia bianca e giacca nera. Oltre a condurre una VW Maggiolino: esattamente come Tiziano.

In seguito abbiamo un po’ perso i contatti: Tiziano è sempre stato piuttosto chiuso e negli anni è diventato praticamente inavvicinabile. Nel 1993 ha conosciuto e in seguito sposato Cristina Neri: mi sembra che questo abbia contribuito alla sua stabilità emotiva. Di Cristina ha detto “Mia moglie è la mia vita”.

Da molti anni conducono una vita estremamente riservata a Venegono Superiore, una località del Varesotto.

 

Trasferimento in Venezuela

Ho vissuto a Caracas dal 1981 al 1998.

Dopo un breve periodo di assestamento, ho deciso di lavorare: non è nelle mie corde una vita da casalinga.

Dai primi lavori come dipendente in diverse aziende, ho iniziato un’attività indipendente nel 1984, poco dopo una serie di disordini e interventi governativi che hanno modificato gli assetti dell’economia locale, per esempio una drastica svalutazione della moneta locale, il bolívar. Negli anni seguenti la svalutazione continua e si verificano alcuni episodi di rivolta popolare fino al tentativo di colpo di stato del 1992, organizzato da Hugo Chavez.

A fine 1988 decido di aprire un’agenzia pubblicitaria, che lavora con ottimi risultati fino al 1993, quando deve arrendersi per le conseguenze che il tentativo di golpe ha provocato nell’economia del Paese.

In seguito lavoro come consulente per diverse attività commerciali (Ristorazione, Arredamento, Moda): il mio compito va dalla comunicazione pubblicitaria alla formazione del personale.

A fine 1998 decido di “provare” a tornare a vivere in Italia, ma siccome non sono sicura che mi piacerà, parto avendo con me un biglietto di ritorno.

Nei tre anni successivi scopro che le competenze sviluppate in precedenza non interessano al mondo del lavoro italiano, e che anzi, l’aver svolto attività eterogenee è giudicato negativamente. Dunque mi limito a collaborare con l’attività di famiglia (fotografia, da tre generazioni), con qualche intervallo di traduzioni come “negro” per un’amica che traduce di mestiere.

Nei primi anni 2000, in seguito ad alcune circostanze, conosco il mio attuale marito e contestualmente inizio un periodo di collaborazioni (i famigerati CO.CO.CO.) che si concludono con un progetto in collaborazione con la FAO.

Dal 2002 vivo a Civitavecchia, dove attualmente mi occupo di ArtiSpazio, un’area espositiva per arte e artigianato.

Leave a Reply

Area Riservata