Meglio di Niente Radio il sito che ti dà un’ opportunità.

UMANI il nuovo album delle Lingue.

E’ uscito il nuovo disco delle Lingue intitolato “Umani” per l’etichetta Pioggia Rossa Dischi. L’album, una raccolta di 10 brani tra l’Indie-Pop il cantautorato e la psichedelia, è stato anticipato da tre estratti “Umani”, “Regali” e “Scale”, brani che hanno registrato migliaia di stream e risposte positive da parte della stampa.

Il disco è stato scritto nel corso di due anni, tra le camere da letto e le sale prove, e racconta di mare, di vino, di eccessi, di divani, di mani e di vento.
Dopo aver terminato le pre-produzioni il gruppo si è ritirato per 25 giorni (tra settembre e dicembre ‘18) nell’ex convento delle Clarisse a Caramanico Terme per partecipare al progetto multidisciplinare “Controconvento”. Un progetto che ha permesso ai ragazzi di vestire alla perfezione ogni brano, attraverso la produzione artistica di Marco “Diniz” Di Nardo e il lavoro in regia di Andre “Giamba” Di Giambattista.

L’album è stato anticipato da tre singoli:
⦁ “Umani”, una canzone-preghiera alla propria anima per ricordarsi di alzare sempre la testa, anche quando ti sembra di affogare;
⦁ “Regali”, che racchiude lo sfogo nei confronti del consumismo che ci rende schiavi da una parte e l’esigenza di esorcizzare una paura gigante dall’altra
⦁ “Scale”, canzone che profuma di primavera, di cosce, di prati ma anche di paranoia e riflessione su ciò che ci circonda.

Lingue su “Umani”
“Umani” nasce dalla voglia di liberarsi dalle paure e dai desideri nascosti, nasce dalla voglia di conoscersi meglio, di approfondirsi e dalla continua ricerca di una sincerità utopica nella vita “reale”.
“Umani” è un disco che ci ha spogliato completamente dalle maschere che ogni giorno ognuno di noi indossa per sembrare “giusto” nei confronti di questa società sempre pronta a giudicare e a farti sentire piccolo. È un disco sincero, vero, scritto con l’anima e le vene.

Track by track

Umani
Umani è una preghiera verso la propria anima, è il bisogno esistenziale di provare a reagire alle situazioni e di alzare la testa quando la sensazione è quella di affogare e vedere tutto nero.
È la molla per uscire di casa, per iniziare a correre di nuovo.

Morire e poi tornare
Morire e poi tornare è un viaggio dentro gli occhi di una persona che ha imparato a scontrarsi con la vita troppo presto e che allo stesso tempo è riuscita a riempirsi di ogni sfumatura della bellezza che la circonda.

Venere
Venere è una storia a lieto fine, sono i nodi che col passare del tempo si sciolgono e diventano onde, perché è giusto così.
È riscoprire i colori, è il bisogno di assaggiare nuove sensazioni che non vuoi più far andare via.

Scale
Scale è la paranoia per le cose che non vanno in questa società, il fastidio nei confronti della superficialità che ci circonda, ma è anche la voglia di primavera, di prati, di cosce e di gonne che si alzano.

Regali
Regali è una critica contro il consumismo, contro le mode che ci rendono schiavi e ci fanno vivere nella nebbia della continua ricerca di un qualcosa che non esiste.
È anche una canzone che col ritornello va ad esorcizzare una paura enorme.

Lovepop
Lovepop è l’eccesso, la carne, il sesso, le serate infinite con i tuoi fratelli.
È fare mattina e stare bene, avere nella testa e nel petto le vibrazioni di quelle notti che ti ricorderai per sempre.

Gary Neville
Gary Neville è uno dei giocatori più caparbi e silenziosi della storia del calcio.
In questo caso è una metafora, e parla di una persona importante.
Gary sono le domeniche pomeriggio sul divano, il campionato, qualche birra, il tuo migliore amico, la vita.

Non te ne rendi conto
Ntnrc è un adolescente con una voglia matta di crescere, sono i primi amori, i primi passi verso le scale infinite (o quasi) che abbiamo davanti.
È la consapevolezza che siamo molto più puri prima di iniziare a nuotare in mezzo a questa aria viziata che abbiamo intorno.

Mezzanotte per sempre
È una lettera d’amore che non verrà mai letta.

Anche senza le mie mani
Anche senza le mie mani è il mare, sono gli occhi che si perdono nell’infinita bellezza del mare, le mani che scrivono da sole, la certezza che nulla è infinito, lo sfogo di chi vive d’amore e vuole riempirsi l’anima di meraviglia e nostalgia.

Biografia
“Lingue” sono Federico Vittorini, Marco Fontana, Andrea Orlandi, Valerio Scarsella e Luca Biasini.

Il gruppo partecipa alle fasi finali del Premio Buscaglione condividendo il palco con altri artisti emergenti della scena musicale italiana ed attualmente sta pianificando insieme all’etichetta genovese “Pioggia Rossa Dischi” l’uscita del proprio ultimo lavoro in studio, registrato tra marzo 2018 e febbraio 2019 sotto la produzione artistica di Marco Diniz Di Nardo (Management) ed il lavoro in regia di Andrea Di Giambattista e Giovanni Versari.
L’8 maggio è la data di uscita del disco “Umani”, lavoro che è anticipato da tre estratti, pubblicati tra novembre 2019 e marzo 2020, e intitolati “Umani”, “Regali” e “Scale”.

I SOCIAL DELLA BAND

https://www.instagram.com/lelingueband/?hl=it

https://www.facebook.com/lelingueband/

https://open.spotify.com/artist/3JRiV6Snx4VCriWheBeRrV?si=ccCSvM_NT52V9t3cSGNewA

Leave a Reply

Area Riservata